Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
Ricerca personalizzata

GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.pngL' Associazione AIFVS

paypal.png
AIFVS Adesioni rinnovi e Donazioni
Vai alla pagina

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

heart.png Memorie

movie.png Video

attivita.png Attività

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.



Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
<O>


  Numero di utenti 1803 utenti

newsletter AIFVS

Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, iscriviti alla nostra Newsletter .

Prima di inviare questo formulario, vogliate leggere ed accettare gli Avvisi legali.

Accetto :

Invia una risposta

Grazie di dedicare del tempo per scrivere questo messaggio.

Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
Il tuo indirizzo email
Mostra ai visitatori il tuo indirizzo email :      
Nota : l'indirizzo e-mail utilizzato è protetto contro lo SPAM.

Abbonati a questo thread :      

Rispondi a Gibbo che ha scritto :

 

La risposta è semplicemente NO.

Si tratta di una richiesta criticabile, anche considerato che, oltre al capitale a favore del danneggiato, le assicurazioni pagano pure le spese legali A PARTE (e mai in detrazione a ciò che è il giusto risarcimento ottenuto!). In questo caso, tuttavia, è stato evidentemente raggiunto un accordo onnicomprensivo, cioè capitale + spese. Lo squilibrio tuttavia mi pare evidente.

L'art. 13 del Codice Deontologico Forense prevede che:

"Sono vietati i patti con i quali l'avvocato percepisca come compenso in tutto o in parte una quota del bene oggetto della prestazione o della ragione litigiosa"

Ciò significa che, seppur mitigato rispetto ad una volta, continua a vigere il divieto del 'patto di quota lite'. Dunque se il Vs. avvocato ha calcolato il proprio compenso in base % rispetto al valore del danno ha operato in maniera deontologicamente scorretta.

I compensi dovranno dunque essere preferibilmente calcolati sulla base della qualità e quantità del lavoro svolto tenendo a riferimento i parametri dati dal tariffario forense e, francamente, credo che sia assai difficile che - pur in due gradi di giudizio - si possa giungere a quantificare in una tale somma le spese dovute.

Personalmente penso che sottrarre 200.000 euro su 800.000 a delle persone sofferenti per la perdita di un proprio caro sia un comportamento assai sgradevole, che come sempre rischia di compromettere la considerazione verso un'intera categoria.


cool wink biggrin smile frown eek mad confused rolleyes tongue cry

Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati

Condizioni di utilizzo dei vostri dati personali.

Sottomettendo questo formulario, accetto che le notizie scelte siano sfruttate unicamente nella cornice di questo sito, per permettere di ricontattarmi. Per conoscere ed esercitare i vostri diritti, in modo particolarmente di ritiro di consenso ad utilizzare i vostri dati, vogliate consultare le nostre Avvisi legali e contattare il Webmaster del sito.

Accetto :


 
Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it