Continuando a navigare su questo sito, accetti l'uso dei cookie per fornirti contenuti e servizi appropriati.
Note legali .
Sei qui: Home » News siti amici » News TGCOM

News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(20/06/2021 • 05:39)

(20/06/2021 • 05:09)

(20/06/2021 • 04:04)

(20/06/2021 • 03:09)

(20/06/2021 • 00:15)

(19/06/2021 • 23:25)

Desiree Mariottini, condannati i 4 pusher stupratori: due all'ergastolo | Ma uno degli assassini torna libero per un cavillo 

Libero uno dei condannati - Nel frattempo, però, torna libero uno dei quattro condannati per l'omicidio di Desiree Mariottini per scadenza
termini di custodia cautelare. Si tratta di Brian Minthe condannato questa sera a 24 anni e sei mesi di reclusione. Un cavillo legale che farà sicuramente discutere.

 

La mamma di Desiree: "Non ho avuto giustizia" - "Mi attendevo quattro ergastoli, non sono soddisfatta di questa sentenza soprattutto perché uno degli imputati torna libero e questo non doveva succedere. Non ho avuto giustizia ". Lo afferma Barbara Mariottini, madre di Desiree dopo la sentenza della III Corte D'Assise. 

 

"Maledetti possiate bruciare all'inferno" - Nei confronti dei condannati le accuse vanno, a seconda delle posizioni, dall'omicidio volontario alla violenza sessuale aggravata, alla cessione di stupefacenti a minori. In aula hanno assistito alla lettura del dispositivo alcuni familiari della vittima e la mamma Barbara. Dopo la lettura della sentenza una donna seduta negli spalti del pubblico ha urlato: "Maledetti, possiate bruciare all'inferno". 

 

 

Trovata morta nel 2018 - Sono passati due anni da quel tragico venerdì quando venne ritrovato il corpo senza vita della 16enne Desiree Mariottini. In quel fatiscente stabile nel quartiere San Lorenzo Desiree ci era andata per cercare droga. E' finita nella trappola dei suoi aguzzini. L'accusa ha chiesto e ottenuto la pena più pesante: l'ergastolo (ma altrettanto pesanti sono state le altre condanne). Dalle carte dell'indagine è emerso che gli imputati avevano assicurato alla ragazza, che si trovava in crisi di astinenza, che quel mix di sostanze composto anche di tranquillanti e pasticche non fosse altro che metadone. Ma la miscela, "rivelatasi mortale" era composta da psicotropi che hanno determinato la perdita "della sua capacità di reazione" consentendo agli indagati di poter mettere in atto lo stupro in quell'inferno nel cuore dello storico quartiere romano.

 

Lo stupro dopo il mix di droghe - Andava e veniva da quel posto, dove la notte del 19 ottobre 2018 è deceduta. Quando si e' sentita male, dopo aver assunto varie sostanze, nessuno ha chiamato il 118 e la giovane, ridotta all'incoscienza, è stata violentata. Desiree non si e' opposta in alcun modo: non poteva farlo perché non era in sè, non si reggeva in piedi mentre gli aggressori, senza nessuna pietà le erano addosso. Chi ha abusato di lei, subito dopo l'ha abbandonata sola, a terra, tremante, si è allontanato e l'ha lasciata morire.
 

 

"Meglio che muore lei che noi in galera" - Nel corso delle indagini erano emerse frasi agghiaccianti riferite dette dagli assassini. "Meglio che muore lei che noi in galera" avrebbero pronunciato tre dei quattro. Gli stessi che impedirono di chiamare i soccorsi per aiutare Desiree. Gli esami disposti dalla Procura hanno confermato che sotto le unghie e sugli abiti di Desiree è stato trovato il Dna del branco.

 

 

La mamma di Desiree: "Abbiamo fatto di tutto per salvarla" - "Io e la mia famiglia - aveva raccontato la donna quando i quattro stranieri vennero rinviati a giudizio - eravamo preoccupati, ci occupavamo tutti i giorni di lei, l'abbiamo portata da uno psicologo. A fine luglio abbiamo capito che si drogava. Desiree aveva paura quando si parlava di comunità". L'ultimo ricordo? "Si era svegliata, era a casa con me e si truccava. Gli occhi, il sorriso, di ricordi belli ne ho tanti. In barca, al concerto di Vasco, al cinema, quando andavamo in giro per Latina. Ma so che non posso averne altri". "Il nostro dolore non si potrà mai calmare. Nessuna sentenza ci restituirà mai la nostra Desiree", aveva invece commentato la nonna. 
 

(19/06/2021 • 23:20)

(19/06/2021 • 22:14)

(19/06/2021 • 21:45)

(19/06/2021 • 21:37)

(19/06/2021 • 21:28)

(19/06/2021 • 20:20)

(19/06/2021 • 19:58)

(19/06/2021 • 19:36)

(19/06/2021 • 18:16)

(19/06/2021 • 17:38)

Covid, 1.197 nuovi casi su 249.988 tamponi e altri 28 morti | Tasso di positività si attesta allo 0,47% 

 

 

Continua il calo delle ospedalizzazioni sia in terapia intensiva, con -22 per un totale di 394 e 10 ingressi giorno, sia in reparto con -176 ricoverati e 2.504 nel complesso. Scende sotto soglia 90mila il numero degli attuali positivi al Covid in Italia: secondo i dati del bollettino del ministero della Salute sono infatti 89.150 le persone oggi alle prese con il virus, con un calo di -2.922 rispetto alle 24 ore precedenti. Di queste 86.252 sono in isolamento domiciliare.

(19/06/2021 • 17:22)

Coronavirus, la situazione dei contagi in Italia: la mappa e i grafici interattivi 



Tutti i numeri del contagio
 

 

La situazione in Italia, regione per regione

 

Rapporto tra persone sottoposte a tampone e contagi rilevati

 

La pressione sulle terapie intensive (dati in %)

 

Deceduti e terapie intensive, la variazione nelle 24 ore

 

Contagi, guarigioni e decessi: l'andamento giorno per giorno

 

Nuovi contagi, attualmente positivi, guarigioni e decessi

 

La situazione nelle Regioni più colpite

 

 

Se non visualizzi i grafici clicca qui

 

 

(19/06/2021 • 17:00)

Roma, si spoglia nuda e si tuffa nella fontana davanti a Palazzo Chigi 

 

A postare il video sui social è l'ex consigliere del I municipio Luca Aubert, che denuncia il degrado nel cuore della Capitale e parla di "centro storico abbandonato". Non è la prima volta che turisti e senzatetto scambiano le fontane della città per piscine. Nel 2019 un francese si tuffa nella fontana di Santa Maria in Trastevere, nel cuore della movida. La bravata gli costa una multa di 450 euro. Un anno prima una coppia di turisti americani decide di farsi un bagno nella fontana di Trevi. Gli agenti della polizia municipale sanzionano anche due danesi, beccati nella Fontana dei Due Mari, e un canadese, salito sulla Barcaccia a Piazza di Spagna.

 

 

(19/06/2021 • 16:41)

(19/06/2021 • 16:05)

20/06/2021 &b000000SundaySunday; 05:41