Sei qui: Home » News siti amici » News TGCOM
    Stampa la pagina ...
LogoA.png
it.png   Associazione Italiana Familiari e Vittime della STRADA A.P.S. 
Associazione di Promozione Sociale 
eu1.png mfevr.png  Aderente alla FEVR  (Federaz. Europea delle Vittime della Strada) 

News siti amici - News TGCOM

Tgcom24


Tgcom24 contents


(27/09/2021 • 16:17)

Al generale in congedo Pappalardo tolti i gradi per motivi disciplinari 

Pappalardo e la pandemia, comportamenti incompatibili con i carabinieri - I suoi comportamenti durante la pandemia sono stati ritenuti incompatibili con il prestigio dei carabinieri e delle forze armate. Pappalardo ha infatti guidato i Gilet arancioni, un movimento che ha duramente contestato i provvedimenti decisi dal governo per contrastare il contagio, arrivando a negare l'esistenza della malattia.

 

 

Chi è Antonio Pappalardo - Palermitano di nascita, era in congedo dal 2006 dall'Arma dei carabinieri, con il grado di generale di brigata, ed è stato presidente del COCER, il Consiglio centrale di rappresentanza, dal 1988 al 1991. Tra il 1992 e il 1994 fu inoltre deputato dell'XI legislatura e, per pochi giorni, sottosegretario di Stato alle Finanze nel governo Ciampi. 

Leggi di più

(27/09/2021 • 15:09)

Inchiesta Consip, a processo Tiziano Renzi per traffico di influenze illecito 

"Dopo Genova e Cuneo anche Roma, l'en plein a dibattimento", commenta il difensore Federico Bagattini. Nell'ambito della stessa vicenda sono stati rinviati a giudizio dal gup di Roma anche l'ex parlamentare di An Italo Bocchino, l'imprenditore di Scandicci, Carlo Russo, l'imprenditore Alfredo Romeo e il manager Stefano Massimo Pandimiglio.

 

 

Procedendo con il rito abbreviato, il gup ha poi condannato a un anno l'ex senatore Denis Verdini, l'imprenditore Ezio Bigotti e l'ex parlamentare Ignazio Abrignani con l'accusa di turbativa d'asta.

Leggi di più

(27/09/2021 • 14:45)

(27/09/2021 • 13:36)

(27/09/2021 • 13:35)

(27/09/2021 • 13:33)

(27/09/2021 • 13:27)

Ilva, ai domiciliari l'ex commissario Laghi: "Corruzione in atti giudiziari" 

Per l'ex commissario il procuratore aveva chiesto la custodia in carcere, ma il gip ha ordinato solo i domiciliari. L'inchiesta, si legge nella nota diffusa dal procuratore capo di Potenza, su basa su “plurime e convergenti dichiarazioni accusatorie supportate da elementi investigativi di riscontro, hanno fatto emergere un quadro indiziario grave da cui è emerso il sopra descritto ruolo svolto dall'indagato Enrico Laghi nella contestata fattispecie di corruzione in atti giudiziari”.

 

Nell'inchiesta sono coinvolti anche l'ex Procuratore della Repubblica di Trani e di Taranto, Carlo Maria Capristo, gli avvocati Piero Amara e Giacomo Ragno, il funzionario di Polizia Filippo Paradiso e Nicola Nicoletti, che è stato consulente dei commissari dell'Ilva. L'inchiesta della Procura potentina ha portato, nel giugno scorso, proprio all'arresto di Amara a Capristo. 

 

In sintesi l'accusa per Laghi è aver ricambiato la “favorevole attenzione alle esigenze di Ilva” da parte della procura di Taranto guidata da Capristo, con incarichi professionali che venivano assegnati da dirigenti dell'Ilva all'avvocato Ragno, vicinissimo allo stesso Capristo.

Leggi di più

(27/09/2021 • 13:13)

Omicidio di Chiara Ugolini, Impellizzeri si è impiccato in carcere a Verona 

Arrestato il 6 settembre - Impellizzeri, di origini catanesi e vicino di casa di Chiara Ugolini, era stato arrestato il 6 settembre lungo l'autostrada del Sole nei pressi di Firenze, dopo essere fuggito da Calmasino in sella alla propria motocicletta. Davanti ai magistrati si era sempre avvalso della facoltà di non rispondere.

 

 

Il trasferimento - Negli ultimi giorni era stato trasferito dal carcere fiorentino di Sollicciano a quello veronese di Montorio, dove, appunto, è stato trovato impiccato in cella. A riportare la notizia del gesto di Impellizzeri è stato il segretario nazionale della Uilpa Polizia Penitenziaria, Gennarino De Fazio.

 

Leggi di più

(27/09/2021 • 12:52)

Aborto, Papa: "C'è l'abitudine all'omicidio, è come affittare un sicario" 

"Tra le vittime della cultura dello scarto - sottolinea il Santo Padre - ci sono i bambini che non vogliamo ricevere e questo è un omicidio". E chiede: "E' giusto fare fuori una vita umana per risolvere un problema? E' giusto affittare un sicario per eliminare un problema?". 

 

Anziani "materiale di scarto, eutanasia nascosta" - Papa Bergoglio sposta poi la sua riflessione sugli anziani che, in molte realtà, sono considerati "materiale di scarto perché non servono ma sono radice di saggezza per la nostra civiltà". A questo riguardo parla di "eutanasia nascosta, quella delle medicine: sono care e se ne danno la metà e questo significa accorciare la vita degli anziani, con questo rinneghiamo la speranza". Poi commenta: "Questo è lo scarto di tutti i giorni, la vita è scartata, stiamo attenti a questa cultura dello scarto. Non è un problema di una legge o di un'altra. E' il problema dello scarto". 

 

 

"Ci sia sempre un sistema sanitario gratuito" - Il Papa lancia quindi un appello perché "ci sia sempre un sistema sanitario gratuito" e nei Paesi che lo hanno, "come l'Italia e come altri, non perderlo", altrimenti "arriverebbe solo a coloro che possono pagare, solo loro avranno diritto alla salute". La sanità gratuita e accessibile a tutti, chiarisce, "aiuta a superare le disuguaglianze". 

 

"Ci preoccupiamo per il Covid ma ignoriamo molte altre malattie" - A questo riguardo Papa Francesco avverte: "Tanti problemi molto gravi sono ignorati. Pensiamo all'impatto devastante di malattie come malaria e tubercolosi: la precarietà delle condizioni igienico-sanitarie procura nel mondo ogni anno milioni di morti evitabili. Se compariamo questa realtà con la preoccupazione che la pandemia da Covid ha provocato, vediamo come la percezione della gravità del problema e la corrispondente mobilitazione di energie e risorse sia molto diversa". 

 

 

Leggi di più

(27/09/2021 • 12:30)

(27/09/2021 • 11:17)

(27/09/2021 • 11:00)

Rocco Siffredi vittima di "Scherzi a Parte": venduto sul dark web qualcosa che gli appartiene… 

 

Scoprire che un uomo misterioso si intrufola sul set e "sottrae materiale organico" per rivenderlo sul dark web: è quanto accaduto a Rocco Siffredi, tra le vittime della terza puntata di "Scherzi a Parte". L'attore, che si muove tra varie location per girare delle scene di un nuovo film hard, scopre di essere sempre seguito da uno sconosciuto che si appropria del suo materiale organico.

 

 

A un incredulo Rocco Siffredi due poliziotti mostrano le immagini in cui si vede un sedicente veterinario, che porta via dal set "materiale organico" per venderlo sul web per l'inseminazione artificiale. L'attore inizia a preoccuparsi, quando capisce che potrebbe essere padre a sua insaputa. Tutto finisce tra le risate perché... è uno scherzo

Leggi di più

(27/09/2021 • 09:59)

(27/09/2021 • 09:31)

(27/09/2021 • 08:25)

Covid, verso nuove capienze per cinema e teatri | Incognita sulle regole a scuola 

Capienze diverse a seconda dell'evento. Il parere del Cts è richiesto dal governo entro il 30 di settembre. La decisione finale spetterà  al presidente del Consiglio, Mario Draghi, dopo l'incontro con i ministri, forse già il primo ottobre, ma l'orientamento di Cts e governo è quello di superare gli attuali limiti, con gradualità e autorizzando ingressi diversificati. Un discorso sono i cinema e i teatri - spiegano diverse fonti - nei quali una capienza fino all'80% non creerebbe problemi, e un altro sono gli stadi o i concerti dal vivo, che richiamano migliaia di persone. In questi ultimi casi la percentuale dovrebbe essere inferiore al 75%. E poi c'è il nodo delle discoteche che Lega e Fi vorrebbero riaprire da subito ma che per buona parte degli esperti continuano a essere uno dei luoghi più a rischio di contagio.

 

Distanziamento nei luoghi di lavoro. Dopo il Dpcm di venerdì 24 settembre, che ha stabilito che la "modalità ordinaria" di lavoro nelle pubbliche amministrazioni sarà  in presenza, si pone il problema di come gestire gli spazi negli uffici. Il Dpcm afferma che il rientro deve avvenire in "condizioni di sicurezza e nel rispetto delle misure anti Covid" che, al momento, prevedono il mantenimento della distanza di almeno un metro. Ma non è  escluso che possa essere rivisto perché sarebbe complicato riportare tutti in ufficio e garantire questa distanza. 

 

Il ritorno a scuola e le mini quarantene. Ancora non è pervenuta una richiesta ufficiale al Comitato tecnico scientifico, ma presto potrebbero cambiare le condizioni per le quali una classe finisce in quarantena.  Al momento, in caso di positività accertata, non c'è unanimità a livello nazionale. Ma il sottosegretario alla Salute, Pierpaolo Sileri, ha dichiarato che il Governo potrebbe decidere di cambiare il protocollo dedicato alla quarantena nel mese di ottobre (la data indicativa è quella del 10 ottobre), dopo aver studiato gli effetti della riapertura delle scuole dopo le vacanze. Due le ipotesi sul tavolo: accorciare la quarantena da 7 giorni a 5 giorni o mettere in isolamento non tutta la classe ma solo chi si trova più vicino al contagiato (il suo compagno di banco o chi è seduto in un banco vicino).

Leggi di più

(27/09/2021 • 08:01)

(27/09/2021 • 07:14)

Torino, uccise moglie e figlio di 5 anni: si suicida 8 mesi dopo in cella | Si è impiccato usando i pantaloni della tuta 

Riccio si è impiccato con i pantaloni della tuta a una inferriata della cella mentre il compagno dormiva. La Procura di Ivrea ha aperto un fascicolo. 

 

Quando compì la strage aveva lasciato un biglietto: "Vi porto via con me". Aveva pianificato anche il suo suicidio tagliandosi i polsi, bevendo candeggina e lanciandosi dalla finestra di casa: ma non era stato sufficiente. Alexandro Riccio ci è però riuscito otto mesi dopo, nella cella del carcere di Ivrea dove attendeva il processo. Un massacro, quello di Riccio, compiuto perché la moglie, Teodora Casasanta, aveva deciso di lasciarlo. Anche lei 39enne operatrice socio-sanitaria, voleva chiudere il matrimonio. Ma non c'erano state liti violente, almeno stando al racconto dei vicini. Il marito però vedeva nella fine del matrimonio il suo fallimento e per questo ha organizzato l'eccidio. 

 

 

Riccio ha svegliato la moglie eper poi colpirla con qualsiasi oggetto gli capitasse sotto mano. Lei ha urlato, ha cercato di difendersi, ma inutilmente. I carabinieri l'hanno trovata morta sul letto; il corpo del bambino, invece, era nel corridoio, la gola tagliata con lo stesso coltello utilizzato subito dopo per tagliarsi le vene. "Vi porto come me" c'era scritto sul biglietto scritto a mano, nel quale Riccio si diceca deluso per il rapporto di coppia e dichiarava tutto il suo amore per le due vittime.

Leggi di più

(26/09/2021 • 23:33)

(26/09/2021 • 21:46)

(26/09/2021 • 21:18)

Ultimo aggiornamento: 27/09/2021 &b000000MondayMonday; 16:41