Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
Siete qui :   Home » Opuscoli 7° volume 2006: Andrea Mazzotta
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...

Opuscoli 7° volume 2006: Andrea Mazzotta

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Andrea Mazzotta 21 anni Galatina (LE)  27 settembre 1982 - 7 aprile 2004

Andrea_MazzottaAndrea, un ragazzo pieno di vita come tutte le mattine da quando finita la terza media ha deciso di lavorare, aveva scelto di fare il macellaio.

Un ragazzo che pur avendo soli 21 anni si era ritagliata una sua dimensione lavorativa, voleva a tutti costi mettere su un negozio di macelleria, amava con tutto il cuore il suo lavoro.

Quella nefasta mattina Andrea come sempre andava al lavoro, non dimenticherò mai quell'ultimo saluto prima di uscire di casa .. ciao Papà buona giornata. se ne andato schiantandosi contro un albero di ulivo peraltro albero che si trovava sul ciglio della strada su un lungo rettilineo, ancora oggi a distanza di un anno non si sa la dinamica dell'incidende e successo il 7 aprile 2004 ironia della sorte proprio il giorne dedicato alla sicurezza stradale. Andrea percorreva per andare al lavoro quattro volte al giorno. 

 Nella  provincia di Lecce  la prima  causa di incidenti mortali  e dovuta all'impatto con gli alberi che si trovano sul ciglio della strada, nonostante questi dati allarmanti le nostre autorità non fanno assolutamente nulla, io subito dopo l'incidente di mio figlio mi sono attivato perchè quello che e successo a me non capitasse ad altri , ebbene nonostante molte assicurazioni da parte delle istituzioni perchè mettessero in sicurezza con delle barriere la strada incriminata nulla e stato fatto, forse perchè queste disgrazie capitano sempre agli altri.

 

La morte non è niente, io sono solo andato nella stanza accanto. Io sono io voi siete voi.
Ciò che ero per voi lo sono sempre. datemi il nome che mi avete sempre dato.
Parlatemi come mi avete sempre parlato. Non usate un tono diverso.
Non abbiate un'aria solenne o triste. Continuate a ridere di ciò che ci faceva ridere insieme.
Sorridete,pensate a me, pregate per me. Che il mio nome sia pronunciato in casa come loè sempre stato.
Senza alcuna enfasi,senza alcuna ombra di tristezza la vita ha il significato di sempre, il filo non si è spezzato.
Perchè dovrei essere fuori dai vostri pensieri? Semplicemente perchè sono fuori dalla vostra vista?  Io non sono lontano sono andato solo dall'altro lato del cammino.
                                                                  Charles Pèguy 

 


Andrea angelo mio io la mamma e tuo fratello abbiamo un'unica certezza che prima o poi saremo di nuovo insieme tutti e quattro  

Gianfranco Mazzotta

 


Data di creazione : 29/01/2006 * 19:15
Ultima modifica : 20/02/2006 * 16:45
Categoria : -
Pagina letta 21147 volte