Proseguendo la vostra navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo di cookies per offrirti una navigazione ottimizzata, semplici ed efficiente. Avvisi Legali.
 
 
 
 
    Stampa la pagina ...
    Stampa la sezione ...
Siete qui :   Home » Opuscoli 1° volume 1999: Giuseppe Sciarpelletti
 
 
 
 

Opuscoli 1° volume 1999: Giuseppe Sciarpelletti

logoass.gif

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Giuseppe Sciarpelletti, 27 anni - Lanuvio (RM)

Giuseppe Sciarpelletti.jpgLa sera del 10 settembre 92 alle 21 mio figlio Giuseppe, di 27 anni, perì sulla Statale Appia: tomava a casa in motocicletta, superata una curva percorreva un rettifilo a 70 km. orari quando un autobus, proveniente da un passo interpoderale chiuso e non segnalato sulla sua destra, uscì improvvisamente senza arrestarsi allo stop e si immise contromano sulla statale in direzione opposta alla moto, provocando l’impatto e la caduta di Giuseppe.

L’autista dell’autobus, invece di soccorrerlo, innestò la marcia indietro cercando evidentemente di riportarsi nella rimessa che aveva appena lasciato - è verosimile che proprio durante questa manovra lo spigolo del paraurti abbia urtato mio figlio al fianco destro procurandogli le lesioni mortali - e fu solo l’intervento degli abitanti delle case vicine, usciti in strada all’urto, ad impedirgli di raggiungere quello scopo.
Soccorso da automobilisti di passaggio e trasportato in ospedale Giuseppe lasciava la sua famiglia all’una circa dell’ 11 settembre 1992.
Il processo civile si è concluso dopo 7 anni con una assurda sentenza che sbrigativamente attribuisce al conducente dell’autobus solo il 50% di responsabilità nell’uccisione di mio figlio, con un risarcimento del 50% di quello che la Vittima aveva "consumato in vita"....

Giuseppe era forte, alto e generoso; lavorava nell’informatica, in proprio e a contratto stagionale con l’ente Poste; studiava giurisprudenza presso l’Universita "La Sapienza" di Roma; era stato chiamato dall’Assivolo per il controllo del traffico aereo civile.
In servizio militare era stato Allievo Ufficiale Pilota presso l’Accademia di Pozzuoli, poi alla Scuola Volo di Latina; nello sport era campione di Karate e gareggiava a livello nazionale; aveva rapporti di amicizia con giovani di diversa estrazione sociale, artigiani e agricoltori ma anche Ufficiali piloti, dei Carabinieri e della Guardia di Finanza con i quali ancora oggi la mia famiglia è in contatto.
Dopo il lavoro Giuseppe si dedicava come poteva ad aiutare ragazzi disabili mentre i ragazzi sani e forti cercava di addestrarli in palestra nelle arti marziali.

Mio figlio era un ragazzo equilibrato, pronto ad affrontare la vita con volontà, coraggio ed orgoglio; la grande capacità di attenzione e di reazione, della quale era dotato per l’attività militare e sportiva svolta, non gli è bastata, in quella sera fatale, di fronte all’altrui comportamento omicida.

Alberto Sciarpelletti


Data di creazione : 16/07/2007 * 11:40
Categoria : -
Pagina letta 7710 volte


Commenti a questo articolo


Risposta n°4 

con Sergio il 04/06/2009 * 19:48
A Giuseppe...il mio pensiero.Ai genitori ed ai cari cui manca...va il mio segno d'affetto.
Sergio.

Risposta n°3 

con   cat il 15/03/2009 * 02:16

anche la mia principessa cinzia , aveva 15anni, e ' morta per accompagnare a casa l'amica,e  l'altra famiglia mi ha chiesto un risarcimento danni di un miliardo e mezzo...... sono 7 anni che va avanti... ad aprile un'altra udienza

ho fattoun sito a cinzia se vuoi vederlo: www.myspace.com/cinzianastasio


Risposta n°2 

con   antonella78 il 25/12/2008 * 00:13
BUON NATALE!!!!

Risposta n°1 

con   CIANA il 24/08/2008 * 22:54
CIAO GIUSEPPE  IO CAPISCO BENE COSA VUOL DIRE AMARE CRESCERE UN FIGLIO E VEDERSELO PORTARE VIA DA BASTARDI CHE NON HANNO NESSUN RISPETTO PER  LA  VITA ALTRUI UN ABBRACCIO ALLA  TUA  FAMIGLIA  CIANA