GMR_ICON.pngGiornata mond.del Ricordo
delle vittime della strada

chisiamo.png
L' Associazione AIFVS

supporto.pngAssistenza online
e comunicazione

fiorivittimestrada.jpg
Memorie

IconaArchivio.gif
Archivi del sito

Ultimi opuscoli

Carmen_Gattullo.jpg
 

Collaborazioni

deleofund.jpg
 

Sedi AIFVS in Italia

italia.jpg
 

Aderisci All' AIFVS

aderisci.png

Scegli l'AIFVS

5x1000.png

Preferenze

Riconnettersi :
Il tuo nome ( o pseudonimo ) :
La tua password
Captcha reload
Copia il codice :

Agenda

Policy socialnetwork
Policy blog, Forum, Chat, Social network e motori di ricerca.
Avvertenze rischi e condizioni di utilizzo.

Video Opuscoli 2009

logoaifvsnero.png

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus

Marco Rizzetto , 23 anni  -  Portogruaro (VE)  2 maggio 2014

Marco_Rizzetto.jpg

Sono il papà di Marco, 23 anni, morto in un incidente molto "ANOMALO", accaduto la sera del 02/05/2014. Preso sulla sua corsia di destra rispetto all'autovettura che uscendo da uno stop alla velocità di 110Km/h  ne provocava la morte (non sappiamo se istantanea poiché la procura di Pordenone non ha disposto l'autopsia).
 
Il tutto in una lottizzazione aperta con strade finite e segnalazioni molto visibili sia verticali che orizzontali e con illuminazione stradale parzialmente accesa con strada asciutta e buona visibilità. L'anomalia sta nel fatto che il passeggero (poi sapremo l'amante della sig.ra che guidava) uscito illeso si è allontanato non prestando soccorso a mio figlio sbalzato nell' impatto a 38 m con l'auto, ne a lei, con il piede sinistro rotto e incastrata nell'auto. 
 
L'amante dopo l'urto, unico illeso, abbandona il luogo dell'incidente e percorre circa due Km a piedi attraverso i campi, arriva  sulla strada statale e telefona all'amico meccanico (forse dell'ACI) non al 118 per chiamare i soccorsi.
(L'amico chiamato risulterà di altro paese che poi porterà a casa il fuggiasco.)
 
Nel frattempo, la conducente dell'auto non potendo spostarsi,contatta la sua amica dottoressa chiedendo aiuto.
Le indicazioni su come arrivare in loco pare siano state suggerite dal passeggero che si è allontanato.
Finalmente alle 22,37 viene allertato il 118 dalla dottoressa, le forze dell'ordine allertate chiamano subito dopo l'ACI del posto. Si può solo ipotizzare quanto tempo è stato perso prima che arrivassero i soccorsi.
Abbiamo saputo dai carabinieri che al cellulare di nostro figlio si era staccata la batteria nel momento dell'incidente e che in caserma hanno rimesso in funzione l'apparecchio, non siamo a conoscenza se la vodafone ha dato degli orari sul movimento del telefono. Indagine in corso.
 
La dinamica dell'incidente ci da ragione, poiché la signora ha saltato uno stop, art. 145 del codice stradale, c'è anche l'omicidio colposo e i giornali riportavano altre notizie con particolari che abbiamo letto e per i quali la signora potrebbe essere stata nelle condizioni psico-fisiche di non poter guidare.
Entrambe queste persone che ci hanno sconvolto la vita e causato un dolore insanabile, vivono la loro vita come niente fosse accaduto.
La nostra di vita è stravolta, andiamo a piangere sulla tomba del nostro ragazzo due volte al giorno. Nessuno e nessuna istituzione si interessa o aiuta i genitori che vivono queste tragedie. La legge aiuta i colpevoli per reinserirli nella società. I genitori devono imparare a sopravvivere o possono anche suicidarsi, scelte che ai più non interessano.

Copyright 2001/2014 tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus)


Data di creazione : 22/09/2014 * 15:24
Ultima modifica : 22/09/2014 * 15:29
Categoria : -
Pagina letta 15613 volte


Commenti a questo articolo

Risposta n°30 

con Genitori il 19/03/2017 * 13:45
A che serve la festa, del Papà Marco, se invece di festeggiare io devo andare in cimitero, perchè degli infami oltre a provocare l' incidente, ti hanno lasciato aggonizzare e morire senza neanche, soccorerti, (chi fugge, e si aspetta quasi un ora, prima di allertare, ti chiamano a distanza come tu fossi un essere ripugnante) e non hanno nemmeno la vergona di tutto ciò. Dio ci ha fatto tutti uguali con l' anima pura, poi ce chi la vende al diavolo, in nome di una nuova verginità pubblica. Marco. tu eri una persona buona e abbraciavi il tuo papà e mamma non ti dimenticavi mai di questa festa, eri orgoglioso di noi.Ora da quasi tre anni non abbiamo più il diritto a tutto ciò, che dire dopo tutto, questi "Signori" sono papà e mamma, e nel guardare negli occhi i prorpri figli non potranno non pensare che ti hanno tolto la vita per le loro tresche.
Il Signore lassù,sà chi si merita il suo perdono e misericordia, non certo lo darà a chi ti ha tolto il bene più prezioso la VITA,e vuole anche delle ragioni....
Vergogna!!

Risposta n°29 

con Famigliari il 06/02/2017 * 16:43
Papà e famigliari, Vittime da giustizia iniqua   Mio figlio è morto in un incidente d'auto, a bordo dell'auto investitrice, oltre alla persona che guidava c'è anche un passeggero (amante della persona che guidava) che seppure illeso e poteva chiamare immediatamente i soccorsi, fugge (è un politico). Investitrice e passeggero non chiameranno mai il 118, ma la chiamata viene fatta solo più tardi da una dottoressa di base (amica) che si reca sul posto avvertita dalla stessa investitrice, la dottoressa soccorre la donna, (caviglia ferita) , ma non mio figlio, lo chiama solo a distanza senza avvicinarsi, a verbale dice:" Questo è protocollo medico". La procura non dispone l'autopsia e, manda il nulla osta alla sepoltura prima di interrogare i 6 indagati intervenuti, prima dei soccorsi ufficiali. Archiviando il procedimento per parte di questi, dicendo: "presumibilmente tuo figlio è morto sul colpo" senza avere nessuna prova .  Peggio di così non poteva andare per mio figlio. Noi con il dolore atroce da tre anni, non abbiamo mai pensato di vendicarci e di comportarci da "vermi" come chi ha provocato la morte del nostro Marco e lasciato per due ore senza che nessuno lo soccorresse... Cosa dovremmo dire noi familiari ? Poi non facciamoci meraviglia se qualcuno arrivi a farsi giustizia da se, con questa giustizia che ci troviamo!. Non condivido l'atto compiuto da quel marito, ma capisco la sua pazzia e sconvolgimento derivati dalla morte della Moglie, e magari anche sbeffeggiato per quel suo dolore e con la giustizia sorda, lenta o assente. Signori la giustizia è questa,  noi ne abbiamo le prove da quasi tre anni. Ci siamo accorti che è loro tendenza all'agire nel rispecchiare il motto.. : "I morti sono morti, salviamo i vivi" e, attenzione ai familiari, che nel cercare la verità per avere giustizia, non è permesso nemmeno di dire mezza parola in più che, vi sono pronte subito le denunce, si, proprio così, perchè quelli che ammazzano con evidenti colpe, e non soccorrono, alla fine gli è permesso anche questo. Purtroppo di noi familiari non si preoccupa nessuno, e tutti, istituzioni in primo luogo, se ne infischiano, letteralmente evitandoci, ignorando la situazione in cui incorriamo dopo una perdita così traumatica, devastante ed improvvisa, costretti a vivere per il resto del nostro tempo dietro alle "sbarre" del dolore.   

Risposta n°28 

con Genitori il 18/12/2016 * 20:37
Caro Marco . 
Siamo arrivati al terzo Natale, dopo la tua scomparsa, invece che scuse e   
giustizia, riceviamo solo insulti, da chi con la loro negligenza ti ha tolto la  giovane vita. Abbandonato al tuo destino di morte senza soccorerti e adesso pretendono ragioni, anche insultandoci; perche pretendiamo giustizia...Ma in che brutto mondo ci hai lasciato???

Risposta n°27 

con genitori il 28/11/2016 * 09:11
Il Presidente Matarella ha letto le mie istanze sull' omissione di soccorso,che   hanno riservato Marco e ha mandato il tutto al CSM per opportune valutazioni. Spero e desidero che sia fatta giustizia, dopo che ti hanno lasciato morire senza soccorrerti. Da chi  passeggero,e guidatrice "amanti" che hanno ritardato i soccorsi cercando di nascondere la loro tresca.IL " lui", se la da a gambe...La "lei"sebbene ferita a un piede, chiama la sua amica medico di base, che arriverà prima dei soccorsi ufficiali, si preoccuperà solo esclusivamente della amica... Tu Marco sei solo stato chiamato a distanza senza nessun tipo di soccorso, questa è dottore (é sotto giuramento) dice: Non mi risponde nessuno..Per la procura vi è solo "Archiviazione" per tutti dicono: Che volete famigliari vostro figlio sarebbe "morto sul colpo", i soccorsi tempestivi erano inutili!!! Vi sono dei particolari inquietanti.Non hanno disposto a suo tempo l'autopsia,e vi sono due pareri di medici legali che dicono la stessa cosa,senza l'autopsia non è possibile stabilire con certezza se sia morto instantaneamente, o se sia sopravissuto anche per 30/60 minuti e forse con velocità dei soccorsi si sarebbe salvato..Ma che giustizia è QUESTA è tutto senza un bricciolo di umanità, la nostra di giustizia agisce tutta sul "il morto è morto salviamo i vivi"e i superstiti si arrangino.....dd

Risposta n°26 

con Genitori il 21/10/2016 * 09:13

Marco:Sei uscito nua sera in auto....Due amanti sono in fuga in auto da chi li ha scoperti. Non badano a STOP e ti travolgono sulla tua strada.Tutti per nascondere la loro tresca ti lasciano agonizzare fino alla tua morte. Adesso a queste "persone" danno fastidio persino le tue foto pubblicate e le tue epigrafi, a loro dire,a loro dire, sono minacce e disturbo alla loro famiglia.e motivo di denuncia contro di noi. Che dire non c'è proprio limite alla vigliaccheria. Marco: perdonali perchè non sanno quello che fanno.....kkk


Risposta n°25 

con Genitori il 16/08/2016 * 20:03
Papà di Marco ai signori Avvocati Giudici e pubblici ministeri E’ uno strazio e un tormento continuo nel dovermi battere continuamente e in tutti i modi per far riconoscere l'omissione di soccorso nei tuoi confronti Marco, sei stato abbandonato dopo l’incidente senza che i tuoi carnefici si curassero minimamente della tua situazione creata dalla loro negligenza e, gli stessi autori del misfatto, addirittura, hanno cercato fin da subito di fuorviare l’accaduto per proteggersi le spalle. Qualcuno ha inoltre cercato di far in modo di non apparire nel luogo dell’incidente e tu figlio mio lasciato solo con urgentissimo bisogno di soccorso, non si sono degnati nemmeno di vedere il tuo stato, fino a lasciarti morire. "Ti hanno chiamato a distanza", rivolgendosi come a un essere non degno di attenzione e oggetto di ripugnanza. Oggi 14/08/ 2016 sento il grande "clamore" per un cane abbandonato vivo, gara di solidarietà per adozione di questo animale. Sono pienamente d’accordo per la condanna di abbandono per questi esseri a dir poco "schifosi”, si parla di un anno di reclusione, e 10.000 € di multa. OK giusto queste cose non si fanno, i miei animali sono parte della mia famiglia e non li abbandonerò mai, rinuncio anche alle ferie e tanto altro. Però devo dire con amarezza che non altrettanto clamore sia fatto per l’abbandono e il mancato soccorso per una persona umana, esanime dentro una macchina o al ciglio della strada. Da 2 anni e mezzo sto combattendo contro PM e i Giudici che dicono: “tuo figlio è morto sul colpo”, peraltro senza che sia stata disposta nessuna autopsia e l'accertamento della morte veniva fatta dopo circa 2 ore dall’incidente, dal dottore della guardia medica ( solo constatazione di morte ecc. ecc.). Chi fugge dall’incidente non si accerta minimamente dei feriti, se sono vivi o morti e se la da a "gambe". L' ultima parola per la verità spetta ancora ai Giudici, che non si sono ancora espressi in merito, nonostante le nostre obiezioni e deduzioni. Purtroppo come andata fino adesso, devo dedurre: “che la vita umana con queste leggi valga meno di un cane???!!!

Risposta n°24 

con Genitori il 28/06/2016 * 23:04
Genitori di Marco. Con sorpresa, Papa Francesco, ci ha nuovamente risposto alla lettera che abbiamo mandato per ringraziamenti e benedizione apostolica da lui impartita, a noi personalmente e per tutte le parole confortevoli e buone da Lui avute per noi. Attraverso Mons. Paolo Borgia così scrive : Confidando nuovamente a Papa Francesco lo smarrimento e il grande dolore per la tragica scomparsa del amato figlio Marco, Ella ha chiesto il sostegno della sua preghiera. Il Santo Padre, per alleviare il suo tormento che affligge il suo cuore, desidera intrattenersi spiritualmente con Lei e offrire il dono di una spirituale carezza quale segno di viva compartecipazione al grave lutto che l'ha colpita, Egli comprende appieno la sua sete di giustizia ma, in pari tempo, le raccomanda di aprirsi alla grazia e al perdono e di porre ogni confidenza in Gesù Misericordioso.Non posso che dire grazie Santità, recepisco appieno tutto, prego con altrettanta forza che Gesù Misericordioso, mi dia la Grazia di una Giustizia piena per Marco, che e stato abbandonato a morire dopo incidente senza soccorso  "peggio di un cane" e chi lo ha lasciato  agonizzare fino alla morte, si penta e dica perché??. E il motivo che li ha fatti agire in questa brutale maniera?? Marco era coetaneo dei loro figli. Un ragazzo d'oro per giovane età e cuore . Quando avrò giustizia forse si potrà parlare anche di perdono, loro vorrebbero, aver perdono tutto nel massimo silenzio, troppo comodo, si ricordino i loro comportamenti inumani verso Marco prima e chi sbaglia paga, con tutte le conseguenze....Che sarà a noi poi attraverso la Misericordia di Dio concedere se lo meritano il perdono....Grazie Santità.  

Risposta n°23 

con Amico il 17/06/2016 * 20:29
Lettera da un amico, alla famiglia.  5 giugno 2016 Prima dicevo"Capisco"... Poi mi sono accorto che quel verbo era pretesa arrogante,non potevo comprendere:il mistero è troppo opaco perchè uno dall' esterno lo possa afferrare. E' allora che sono scivolato su un altro verbo,smorto, gracilino,più rispettoso del dolore altrui. "Immagino", ho cominciato a balbettare. Ma non è durato a lungo. Perchè mi sono reso conto che anche quel verbo non andava bene, che il mostro è così spaventoso che non c' è modo di rimpicciolirlo per farlo entrare vivo nella propria mente. Ed è così che ho cominciato a fare silenzio, anche sotto le tante domande di chi vuol sapere, di chi urla, di chi protesta contro il dolore. Di chi ti chiede semplicemente il perchè... "Io cerco di capire, io cerco di immaginare":Questa è la tappa finale del cammino.Io non so fare altro che tentare, annaspando, di entrare in punta di piedi in modo che rimarrà sempre sconosciuto. Dolore di madri per figli che non ci sono più. Genitori che ora li a piangere come viti tagliate, Un incidente, una casualità,ti avevano portato via "lui", l' affetto più profondo e radicato. Certi attimi vissuti al camposanto, mentre si accompagnava una processione di persone ammutolite, sono ancora lì che turbano e mi commuovono. Perchè sebbene tutti ci crogiolano con l'idea di una vita felice,che deve concludersi in tarda età, come prescritto dalle fiabe che ci sono propinate fin dalla nostra infanzia, la vita reale è invece altra cosa. Spesso incomprensibile. "Illogico". L' orco non arriva a metà della storia, ma alla fine e non c'è eroe che possa invertire la trama della storia. Alla fine spunta lei: La morte...Conosco lo strazio  che ne segue. Per anni uno resta nella palude,invischiato in un dolore che ti sgretola le ossa. A volte non basta un intera vita per mettere un piede fuori dal pantano...E nessuno mi venga a dire che c'è un angelo in più in paradiso, o tante altre frasi consolatorie del genere: Le spedisco al mittente... Quel dolore è implacabile non c'è parola che lo possa ammansire. Il mondo è un immenso pianto, un fiume di lacrime, ma invisibili a chi ha perduto lo sguardo del cuore. Guardare gli altri a millimetro di viso, di occhi,di voce, come bambini, unico modo per conoscere le  persone, e forse alleviare l' immenso dolore....  

Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus  (AIFVS onlus) - sito ufficiale
©​Copyright   tutti i diritti riservati by Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada onlus (A.I.F.V.S. onlus) 
Sede operativa Via A.Tedeschi, 82 - 00157 Roma Tel. 06/41734624 - fax 06/81151888 - cell. 340/9168405; 
Sede legale viale Africa 112 – 00144 Roma 
Codice. Fiscale 97184320584

Webmaster Giorgio Giunta  
im_off.gif  info@vittimestrada.org
PECpec.png  aifvsonlus@pec.it